vai a pagina
vai a subnavigazione
vai a navigazione principale
siete qui: 

Condizioni base per la domanda del trasporto transalpino

Qualsiasi considerazione su cifre e tendenze relative al trasporto transalpino non può prescindere dai cambiamenti significativi che si sono verificati negli ultimi anni nel traffico transalpino:

  • L’accordo tra UE e Svizzera sul trasporto terrestre di origine, entrato in vigore nel 2002, è responsabile di mutamenti significativi nel trasporto di merci su strada attraverso la Svizzera. In diverse fasi i limiti ai pesi dei veicoli sono stati innalzati ed armonizzati alla normativa europea, ma i costi del trasporto stradale in Svizzera sono notevolmente aumentati.

  • All’inizio del 2004 è cessato il Sistema Ecopunti Austriaco, il sistema successivo non è stato messo in atto a causa dell’assenza di definizioni operative e degli effetti desiderati.

  • L’allargamento dell’UE il 1.5.2004 ha mutato le condizioni del trasporto stradale per i Nuovi Stati Membri. Tutti gli accordi bilaterali che regolavano il traffico bilaterale e di transito di quei paesi verso e attraverso l’Austria sono stati aboliti.

  • In Austria è stato avviato, agli inizi del 2004,  un sistema di pedaggio elettronico per i veicoli pesanti  sulle autostrade. Ciò ha comportato l’aumento dei costi del trasporto stradale in Austria, ad eccezione del Brennero,  dove i costi totale per il passaggio in Austria sono rimasti immutati  dato che il pedaggio massimo possibile secondo la legislazione europea era stato raggiunto prima del 2004.

  • Gli incidenti nei tunnel stradali hanno avuto conseguenze sul trasporto stradale: da un alto le strade sono state bloccate per diversi mesi ed anni; dall’altro lato, in conseguenza degli incidenti, sono state intraprese misure per garantire una distanza minima tra i camion ai tunnel del Frèjus, Monte Bianco e Gottardo, ma con effetti sulle capacità di punta delle strade.

  • Sin dall’inizio del secolo si possono notare i primi effetti della liberalizzazione dell’industria ferroviaria, dato che nuove imprese sono attive specie nel trasporto di attraversamento alpino.
copyright by BMVIT
Bundesministerium für Verkehr, Bau und Stadtentwicklung (Germania) Ministère de l'Écologie, de l'Energie, du Développement durable et de l'Aménagement du territoire (Francia) Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (Italia) Bundesminsiterium für Innovation, Verkehr und Technologie (Austria) Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (Svizzera) Ministrstvo za promet (Slovenia) Direzione generale Energia e Trasporti