vai a pagina
vai a subnavigazione
vai a navigazione principale
siete qui: 

Domande Frequentemente Avanzate (FAQ)

Cosa significa “CAFT?”
CAFT è l’abbreviazione di “Trasporto di merci attraverso le Alpi”. Il nome fu coniato nell’ambito dei progetti dell’UE che utilizzano i dati CAFT.  All’inizio della raccolta dei dati il nome ufficiale dell’indagine era “AQGV” – “trasporto di merci attraverso le Alpi” che viene ancora utilizzato in Svizzera e Austria  nelle pubblicazioni nazionali.

Qual è il contenuto del CAFT?

CAFT è una raccolta di dati del trasporto di merci attraverso le Alpi che comprende entrambe le modalità attinenti , strada e ferrovia. La distribuzione spaziale dei flussi di traffico e le loro caratteristiche vengono valutate.

Qual è la definizione di “trasporto di attraversamento alpino?”

Il trasporto di attraversamento alpino è qualsiasi tipo di trasporto che attraversa una linea geografica situata al di sopra del crinale principale delle Alpi. Questa linea è definita da tre diversi archi:

  • L’arco alpino C che copre l’intero arco alpino dal Mar Mediterraneo (presso Nizza/Ventimiglia) fin su al Danubio e ai bassipiani della Pannonia (Wechsel è considerato l’attraversamento alpino più orientale);
  • L’arco alpino B segue il crinale principale delle Alpi da Ventimiglia al Brennero, ma poi si dirige a sud seguendo il confine italo-austriaco fino al Tarvisio;
  • L’arco alpino A è un sottoinsieme dell’arco B e dell’arco C, includendo l’ attraversamento delle Alpi svizzere più i paesi confinanti.
Boegen END IT
(c) by BMVIT

> per scaricare il grafico (Archi Alpini) come pdf ciccare qui.

Il trasporto in attraversamento alpino secondo quella definizione non è la stessa cosa del trasporto all’interno della regione alpina, ad es. la regione alpina definita dalla convenzione alpina: essa include viaggi che hanno la loro origine e/o destinazione al di fuori della regione. Viceversa, essa esclude viaggi all’interno della regione che non attraversano il principale crinale delle Alpi.

Perché i dati CAFT sono disponibili solo ogni cinque anni?
La raccolta dei dati è molto costosa e richiede un grande sforzo amministrativo. Ad es. il fermo di autisti di camion a scopo di intervista richiede il supporto delle forze di polizia che non sono sempre disponibili. Per quanto riguarda gli anni intermedi, più cifre aggregate danno una descrizione sugli sviluppi recenti . (Collegamento ad ALPINFO: BAV ed estrazione dei dati annuali)

Qual è la definizione di “peso delle merci” nel CAFT?

Il CAFT considera “tonnellate al netto di ogni imballaggio”, il che significa che solo il peso delle merci trasportate è preso in considerazione. Il peso dei containers è escluso, come pure il peso dei camion che utilizzano l’autostrada viaggiante. Per cui, vi è differenza con la definizione di pesi utilizzata dalle statistiche ferroviarie europee o dalle statistiche delle imprese ferroviarie. Per il loro scopo va considerata la quantità totale di tonnellate trasportate per ferrovia. Tuttavia, la definizione utilizzata dal CAFT è l’unica che garantisca la compatibilità tra i diversi modi e che calcoli cifre valide sulla percentuale di utilizzo modale.

Qual è la differenza tra CAFT e l’analisi francese sul Transito Nazionale?
La parte francese dell’indagine CAFT è incorporata nella c.d. indagine sul “Transito” nazionale francese allo scopo sia di rivestire tutti i flussi di traffico che attraversano i confini di montagna della Francia , sia di coprire quanto possibile i flussi di traffico che transitano la Francia. Quale conseguenza, oltre ai passi alpini al confine tra Francia e Italia, le interviste hanno luogo ai due passi principali attraverso il confine dei Pirenei con la Spagna, come pure a Basilea al confine svizzero, al fine di acquisire il controllo di una parte significativa dei flussi di transito di Nord-Ovest/Sud-Est che non traversano le Alpi o i Pirenei. In questi punti di indagine supplementare  si trova, in effetti, una maggior concentrazione di traffico rispetto agli attraversamenti francesi delle Alpi.

copyright by BMVIT
Bundesministerium für Verkehr, Bau und Stadtentwicklung (Germania) Ministère de l'Écologie, de l'Energie, du Développement durable et de l'Aménagement du territoire (Francia) Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (Italia) Bundesminsiterium für Innovation, Verkehr und Technologie (Austria) Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (Svizzera) Ministrstvo za promet (Slovenia) Direzione generale Energia e Trasporti