vai a pagina
vai a subnavigazione
vai a navigazione principale
siete qui: 

sistemi di gestione del traffico

Sotto la Presidenza svizzera (2001 - 2005), il Gruppo di lavoro “Gestione e regolazione del traffico stradale” ha dato seguito al mandato di garantire l’efficienza operativa e la sicurezza delle infrastrutture stradali.

Sotto la Presidenza francese tra il 2005 ed il 2006 sono state elaborate le seguenti tematiche:

  • Rilevamento e
  • Analisi di sistemi di gestione nello spazio alpino, con approfondimento sia della dimensione tecnica sia di quella politica dei diversi sistemi;
  • Possibilità esistenti circa sistemi di gestione alternativi (Borsa dei transiti alpini, Sistema di prenotazione, etc.)

Sulla base dei risultati del lavoro

  • Si è raccomandato per l’eventualità dell’insorgere di crisi di approfondire la collaborazione tra gli Stati alpini promuovendo uno scambio immediato di informazioni;
  • Si è constatato che i diversi sistemi di gestione al momento utilizzati erano calibrati sulle specifiche situazioni locali, che pertanto non risultava opportuno il trasferimento degli stessi ad altri transiti e ad altri Stati alpini;
  • Si è suggerita la realizzazione di uno studio congiunto per analizzare più a fondo sistemi di regolazione alternativi per lo spazio alpino.

Conformemente al mandato impartito dai Ministri a Lione nel 2006 è stata bandita sotto la Presidenza austriaca (2006 - 2009) una gara di portata comunitaria per la realizzazione di uno studio. Scopo dello studio e del “Presidential Paper” di approfondimento erano l’analisi scientifica approfondita di cinque sistemi di gestione del traffico (sistemi che fossero sostenibili, ecologici e che tenessero conto dell’aspetto della sicurezza del traffico stradale) nonché -in vista della Conferenza dei Ministri dei trasporti tenutasi nel quadro del Processo di Zurigo a Vienna sotto la Presidenza austriaca- la predisposizione di una utile base decisionale ai fini della ricerca di un sistema di gestione del traffico per i Paesi alpini Germania, Francia, Italia,  Svizzera, Slovenia ed Austria. Dai risultati dello studio in questione emerge sostanzialmente l’opportunità ai fini di una possibile implementazione di analizzare più approfonditamente, in quest’ordine di priorità, i tre sistemi di gestione del traffico “Borsa dei transiti alpini”, “Commercio delle emissioni” e sistemi di modulazione dei pedaggi, includendo anche l’analisi di questioni specifiche, come ad esempio quelle giuridiche o quella relativa alla compatibilità con la normativa comunitaria.

A seguito del mandato del vertice dei ministri a Vienna, il gruppo di lavoro “Sistemi di gestione del traffico pesante” (Advisory Board) è stato incaricato dal Comitato direttivo di effettuare uno studio comparativo (denominato ALBATRAS) degli strumenti di gestione del traffico pesante BTA, AETS e TOLL+ sulla base di criteri scientifici, tecnici e operativi comparabili (studio titolato ALBATRAS).”

> Scaricare: studio titolato ALBATRAS

Secondly, an analysis of economic effects at national and regional level including logistical and social impacts with specific focus on the road sector as well as transport-intensive sectors (so called „EFFINALP“-Study):

> Scaricare: studio titolato EFFINALP  

Thirdly, a comparative legal analysis of the three above-mentioned instruments assessing the legal compatibility of these instruments with national, European and international law as well as bilateral and multilateral agreements (so called „LEGALP“-Study).

 > Scaricare: studio titolato LEGALP 

 

During German Presidency (2012-2014) the Working Group elaborated two reports:

The first report addresses the evolvement of the Toll+ system. It consists of three pillars and puts particular focus on the following elements:
Firstly, a comparative synopsis of the elements of Toll+ on the basis of the three studies on heavy goods traffic management instruments (ALBATRAS, EFFINALP and LEGALP) carried out under the former Swiss presidency of the Zurich process was elaborated with the aim to develop an overview of the concept of Toll+. Secondly, existing and planned measures of the member states for charging heavy goods vehicles (HGVs) were summa-rised and discussed, in order to get a comprehensive picture of the current situation in this transport policy field. Thirdly, with a view to the further development of the Toll+ concept, a document was elaborated aiming at the identification of needs, aspects and elements for further in-depth analysis regarding an optimal design and a practical im-plementation of this concept in order to maximise its benefits und prevent unwanted effects. This part of the report deals with questions related to the practical implementa-tion of the instrument, the socio-economic technical and legal compliance with national and European legislation and realities, the spatial application of the system, its costs and the use of revenues, the diversion of traffic, possible flanking measures for lo-cal/regional particularities or hardship cases, the harmonisation of the various systems with particular emphasis on the Eurovignette Directive and the Swiss performance relat-ed heavy vehicle fee (HVF), required rail infrastructure capacities and services as well as the need for a possible first draft time schedule.

The second report of the working group addresses combined, multi-modal transport and rail transport services. It focuses on legal, financial and organisational measures to pro-mote combined transport, existing and planned projects for the development or the im-provement of infrastructure and/or new systems/concepts/techniques, information on offers for combined transport services including terminals for accompanied (ACT) and unaccompanied (UCT) transport, technical aspects such as limits regarding train length, loading gauge and train weight on the different Alpine crossings and references to vol-umes transported. The report also contains information concerning the connections and relations in ACT and UCT as well as on operators and undertakings offering the different services.

> Download: Review on Combined Transport in Alpine countries

This report was updated during Slovene Presidency (2014-2016):

> Download: Review on Combined Transport in Alpine countries (UPDATE)

copyright by BMVIT
Bundesministerium für Verkehr, Bau und Stadtentwicklung (Germania) Ministère de l'Écologie, de l'Energie, du Développement durable et de l'Aménagement du territoire (Francia) Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (Italia) Bundesminsiterium für Innovation, Verkehr und Technologie (Austria) Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (Svizzera) Ministrstvo za promet (Slovenia) Direzione generale Energia e Trasporti